M3_24 novembre_WEB copia

Višegrad. La pulizia etnica nella guerra in Bosnia

Postato il

Non sapere non è né un delitto né un diritto. Non voler sapere è il peggiore dei delitti.
 
Nella primavera del 1992, all’inizio del conflitto che fino alla fine del 1995 insanguinerà la Bosnia Erzegovina, Višegrad viene sottoposta a un intenso bombardamento da parte dell’esercito regolare jugoslavo. Ritiratesi le forze armate, millantando una situazione ormai sicura e sotto controllo, la cittadina della Bosnia orientale finisce sotto il controllo di un gruppo paramilitare guidato dai cugini Milan e Sredoje Lukić, che inaugurano un regime del terrore e dell’orrore.
In pochi mesi la pulizia etnica ai danni dei musulmani-bosniaci – che costituivano il 63 % della popolazione locale – viene portata a termine con operazioni di rastrellamento, deportazioni, omicidi di massa. Il fiume Drina mirabilmente cantato dal premio Nobel per la letteratura Ivo Andrić diviene la più grande fossa comune di quella guerra.
 
Venerdì 24 novembre Metricubi, in collaborazione con l’associazione Buongiorno Bosnia e il Gruppo Emergency di Venezia presenta Višegrad. L’odio, la morte, l’oblio (Infinito Edizioni, 2017) di Luca Leone, giornalista professionista, esperto di Balcani, che ha scritto/scrive, tra gli altri per Liberazione, Avvenimenti, Internazionale, Modus Vivendi, Il Venerdì di Repubblica, Medici Senza Frontiere.
 
L’associazione Buongiorno Bosnia, costituitasi a Venezia nel 2012, ha l’obiettivo di promuovere una cultura di pace e di solidarietà. Partecipa attivamente alla promozione di progetti di cooperazione, scambi e azioni di solidarietà con le popolazioni dei Balcani ed in particolare a sostegno del progetto Adopt Srebrenica, promosso da un gruppo di giovani della Città di Srebrenica e dell’associazione Tuzlanska Amica di Tuzla.
Con il sostegno di Coop Alleaza 3.0
__________
Venerdì 24 novembre
ore 19.00 aperitivo
ore 19.30 incontro
info: metricubi@gmail.com

Comments are closed.